Service95 Logo
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf
Issue #046 La mia città: la Dakar di Sarah Diouf

All products featured are independently chosen by the Service95 team. When you purchase something through our shopping links, we may earn an affiliate commission.

Images of Sarah Diouf; Alioune Diouf's De Génération En Génération, 2020; Selebe Yoon; Seku Bi; Copacabana Surf Village; Thieboudienne and Sandaga Market Sarah Diouf, Bizenga Da Silvo; Alioune Diouf, De Génération En Génération, 2020; Selebe Yoon; Seku Bi; Copacabana Surf Village; Thieboudienne; Sandaga Market, Alamy

La mia città: la Dakar di Sarah Diouf

Nel primo articolo della nostra nuova serie, in cui i trendsetter di tutto il mondo offrono degli spunti su cosa fare, dove andare e cosa vedere nella città in cui vivono, la stilista e fondatrice del brand di moda Tongoro rende omaggio alla capitale del Senegal 

“Hai presente la sensazione che provi quando sai di appartenere a un certo posto?” È così che Sarah Diouf descrive la sua città, Dakar. L’amore per questo luogo è nato già dall’infanzia. Diouf è nata a Parigi da genitori mezzi senegalesi e ha trascorso i primi anni di vita nella Costa d’Avorio. “Venivo qui spesso con i miei genitori ma non sono mai rimasta per lunghi periodi”, spiega. Nel 2001 ha lasciato la Costa d’Avorio ed è tornata a Parigi per studiare e poi lavorare come stilista e redattrice. “Una delle mie migliori amiche, che ho conosciuto all’università a Parigi, è senegalese al 100%. Nel 2013, quando si è trasferita a Dakar, sono andata a trovarla e quella è stata la prima volta che ho visitato la città non da turista. Sono state le tre settimane più incredibili della mia vita”. L’anno dopo si è trasferita anche lei a Dakar, ma è stata questa esperienza a stimolarla a creare il suo brand Tongoro

Campaign imagery from Tongoro brand
Tongoro, Sarah Diouf

“La percezione globale delle merci africane è stata molto negativa per tantissimo tempo. Volevo contribuire a cambiarla. Quindi, mentre ero ancora a Parigi ho iniziato a sperimentare con i tessuti e ho chiesto a dei sarti di Dakar di confezionarmi gli abiti”. Durante la settimana della moda di Parigi, i suoi outfit sono stati notati da fotografi di street style, redattori e amici, “oltre che da amici di amici di amici”, ricorda ridendo. Molte persone hanno iniziato a chiederle di realizzare dei capi per loro e questo ha portato al lancio di Tongoro nel 2016. Dall’approvvigionamento dei materiali alla creazione vera e propria dei capi, tutto avviene nella città senegalese. Da allora il brand è stato scoperto e indossato da tanti personaggi celebri tra cui Beyoncé, Alicia Keys e Burna Boy.

Di recente, però, anche la stessa Dakar ha avuto un momento di gloria, quando i grandi nomi della moda e dello spettacolo vi si sono recati per una prestigiosa sfilata di Chanel. Ma nonostante ciò, l’amore inesauribile di Diouf per la sua città va molto più a fondo della sua attuale popolarità nel mondo della moda. “Dakar è un posto incredibile. Ognuno di noi arriva a un punto nella propria vita in cui cerca un tipo di esperienza di calma dal punto di vista mentale, fisico e spirituale. Per me Dakar è il posto ideale. È tranquilla, quasi sempre soleggiata e circondata dal mare. È un paese prettamente musulmano, ma ognuno vive in pace con gli altri; quando è Pasqua tutti festeggiano la Pasqua, e quando c’è l’Eid, tutti festeggiano l’Eid. Questa per me è una cosa bellissima”. 

È per questo che, sebbene sia cresciuta in un altro stato africano, Diouf non ha dubbi sul suo legame con il Senegal. “Il mio cognome è Diouf [un nome molto diffuso in Senegal] e poi guardami”, aggiunge ridendo “sembro proprio una donna senegalese. Inoltre, non potrei mai avere dei figli e non essere completamente in possesso del mio patrimonio culturale. Quindi”, aggiunge con determinazione, “anche se sono cresciuta nella Costa d’Avorio, è a Dakar che appartengo”.

I consigli di Sarah Diouf su cosa visitare a Dakar...

  1. Adoro le opere del pittore e scultore Alioune Diouf. Puoi vederle presso la galleria Selebe Yoon. È uno dei luoghi d’arte che preferisco. 
  2. Seku Bi è un antico edificio che il proprietario ha trasformato in boutique hotel. La vista del mare è spettacolare, come il cibo che propone. 
  3. Copacabana Surf Village è il posto perfetto per fare surf, mangiare qualcosa e rilassarsi. La spiaggia è splendida e c’è una bella atmosfera. 
  4. Prova il Thieboudienne, un piatto nazionale a base di pesce, riso e salsa di pomodoro. Il posto migliore per assaggiarlo è un ristorantino molto informale chiamato Chez Loutcha. È davvero squisito. 
  5. Non puoi andartene da Dakar senza aver visitato i mercati. Uno dei più conosciuti è quello di Sandaga, dove è possibile acquistare dei tessuti e portarli poi da un sarto che realizzerà qualcosa di molto tradizionale facendoti spendere poco. È inoltre possibile trovare degli splendidi gioielli economici da personalizzare e conservare per sempre con amore. 

Read More

Subscribe