Service95 Logo
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”
Issue #012 Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”

All products featured are independently chosen by the Service95 team. When you purchase something through our shopping links, we may earn an affiliate commission.

Painting by Jean-Michel Basquiat Untitled (100 Yen), 1982 © The Estate of Jean-Michel Basquiat. Licensed by Artestar, New York

Il genio di Jean-Michel Basquiat: “È stato un artista unico. Impossibile imitarlo”

In concomitanza con la nuova mostra Jean-Michel Basquiat: King Pleasure a New York, la stilista e direttrice creativa Karen Binns, amica stretta e musa dell’artista, ricorda i momenti trascorsi insieme 
 
Agli inizi degli anni ’80 andavo spesso ai reading di poesie nell’East Village di New York. Eravamo agli albori dell’arte dei graffiti, in un momento d’oro per la scena creativa e hip-hop. Fu lì che incontrai Jean, ma non sapevo chi fosse. Poco dopo andai nel famoso locale Roxy e un mio amico artista me lo presentò. A quel punto mi resi conto che era il tipo che avevo visto agli incontri di poesia! Non fu amore a prima vista, però. Jean continuava a scherzare e mi diede una pacca sul sedere, al che io gli buttai un drink in faccia. Una settimana dopo, lo rividi in un altro locale e mi disse: “Posso offrirti qualcosa da bere?”. Era il suo modo per chiedermi scusa.  
 
Dopo mi disse: “Domani inauguro la mia mostra e verrà anche la mia sorellina, ma voglio tenerla lontano dai riflettori. Potresti venire prima alla galleria e portarla a prendere un gelato?”. All’inizio ero un po’ scettica, ma poi accettai. Fu solo quando arrivai alla galleria che mi resi conto di chi fosse veramente. Stava fumando una grossa canna e indossava un completo stile pigiama con le infradito. Quella sera vendette tutte le sue opere e poi tornammo nel suo studio per festeggiare. Mi disse: “Mi piaci perché quando ci siamo conosciuti non ti piacevo, e probabilmente non ti piaccio neanche adesso, ma sento che posso fidarmi di te”. Fu così che iniziò la nostra amicizia.  
 
Andavamo d’accordo perché tutte le persone che gli giravano intorno cercavano sempre di ottenere qualcosa da lui, ma io non gli chiesi mai niente, nemmeno un quadro. Dentro di me sapevo che era speciale. Passavamo un sacco di tempo insieme a guardare film, nei locali, agli eventi e nei ristoranti del posto.  
 
Non siamo mai stati amanti, Jean era come un fratello per me. Ci capivamo perché eravamo costantemente consapevoli di quello che significava essere neri a New York negli anni ’80, cioè essere incompresi, essere visti male e venir trattati di merda, insomma. Parlavamo tanto di questo e anche di arte. Una volta recuperò per strada tre vecchie porte fissate tra loro con delle viti e le trascinò fino al suo studio, le dipinse e le trasformò in una delle sue opere più famose. Andy Warhol era un grande amico di Jean. Una sera macchiai un foulard di vino rosso e Andy e Jean lo firmarono. L’ho perso. Chissà quanto varrebbe adesso...  
 
Le droghe, però, soprattutto negli anni ’80, distrussero tanti creativi. Quando appresi della sua morte mi trovavo a Londra. Mi viene il nodo in gola ancora adesso a parlarne. Aveva tutta la vita davanti. Il dolore era impossibile da sopportare. Eppure, ha lasciato così tanto a me e al mondo. Era sempre consapevole delle sue origini. Viveva di fronte a un centro di accoglienza per i senzatetto e diceva sempre: “Vivo qui perché non mi scorderò mai che anch’io non ho avuto una casa”. Una delle parole che usava spesso era “eredità”. Diceva sempre che se non lasciamo un’eredità, ciò che abbiamo non avrà una continuazione. Per questo molti dei suoi dipinti attingevano al passato; era appassionato di scritture antiche e arte egizia.  
 
È stato un artista unico. Impossibile imitarlo. Impossibile copiarlo. Impossibile riprodurlo. Fu il primo a sfidare il fatto che potesse essere uno degli artisti più grandi al mondo. Questo ragazzo haitiano, prima senzatetto e poi sopraffatto dalla droga, aveva in realtà tutte le chiavi del regno. 
 
Karen Binns è stilista e direttrice creativa, e fu un’amica stretta dell’artista Jean-Michel Basquiat 

Read More

SUBSCRIBE TO SERVICE95 NEWSLETTERS

Subscribe